Cappuccio e Cornetto

Cappuccio e Cornetto

7/30/2012

Di detriti, spaventi e fortune. Un sabato in autostrada.

Succede a molti, spesso, ma quando capita a te lo stupore, la paura, l'ansia e il sollievo si rinnovano intatti, come se non sapessi neanche che certe cose possano accadere.
Eravamo in autostrada, tranquilli, di giorno, senza traffico, con le cinture di sicurezze allacciate e la Gnoma ben salda nel suo seggiolino. All'improvviso si sono materializzati davanti a noi dei detriti, pezzi di ferro abbiamo scoperto poi: non abbiamo neanche fatto in tempo a dire "ohdddio" che gli airbag erano già scoppiati, e una gomma già forata. C. ha avuto la lucidità di tenere la macchina, di guardare nello specchietto e di accostare nella piazzola di emergenza che per fortuna era proprio lì. Gli airbag avevano riempito la macchina di fumo e spavento e puzza di bruciato, e le mie orecchie sentivano solo da lontano la voce di C. che diceva "stai tranquilla stai tranquilla stai tranquilla". La mia mano teneva la Gnoma, che sempre per fortuna dormiva, e si è svegliata solo quando la macchina era già ferma. Altre macchine davanti a noi avevano già subito danni, da mezza carrozzeria saltata a gomme bucate. Non è successo nulla, alla fine, l'unico segno tangibile una minuscola botta dell'airbag sul petto di C.
Ma in quei momenti la mente, quando si riprende dalla scarica di adrenalina e quando recepisce che non ci sono emergenze, comincia a ragionare alla velocità della luce, a ritmo di "se solo...". La complessità delle circostanze che portano a non farsi niente o a farsi molto molto male sulla base di una frazione di secondo e della diversa collocazione nello spazio e nel tempo di dettagli infinitesimali mi lascia ogni volta senza parole. Non riesco a credere che possa essere solo una somma di eventualità fisiche e casuali, anche se a volte sarebbe più facile crederlo perché al mondo succedono cose talmente senza senso che pensare che siano parte di un qualcosa le rende ancora più dolorose.
Però sono, e siamo felici, di essere tutti interi. Di aver avuto dalla nostra parte la lucidità di C. e il suo istinto di protezione, e anche la mano di Dio, del Fato, del Destino, del Karma, di quello che volete voi, comunque voi lo chiamiate. Siamo felici di aver avuto la forza e la capacità di non spaventare la Gnoma, di raccontarle quello che succedeva e trasformarlo in avventura: la gita sul carro attrezzi giallo, l'aperitivo a the freddo, limonata e patatine nel piazzale del soccorso stradale, circondati da macchine con tanta o poca bua (bruciate, incidentate, da buttar via), la cena in autogrill con i nonni che ci sono venuti a recuperare. Siamo felici di dover solo pensare a come organizzarci senza macchina, e di poter essere qui a raccontarlo, pensando solo a come fare in modo che la mente non produca ansie eccessive o pensieri troppo foschi.

Abbiamo però imparato alcune cose: usatele sempre, quelle cinture di sicurezza, anche solo per un metro, e vi prego vi prego vi prego, legate sempre i bimbi nei loro seggiolini. Se vedete dei detriti o cose strane in autostrada, anche se li schivate pensate a chi viene dopo e avvisate qualcuno, il 112 o chi volete voi. 
Non possiamo controllare quello che succede, ma minimizzare i danni e i pericoli quello si.

8 commenti:

  1. Un bacio,sono felice che stiate bene e condivido ogni parola scritta!specie per quanto riguarda cinture,bimbi e seggiolini!

    RispondiElimina
  2. assolutamente d'accordo... sono molto contenta che stiate tutti bene e che siate riusciti a trasformarla in un'"avvventura" per la piccola.

    RispondiElimina
  3. Dev'essere stato terribile! Io ci sono passata ormai 11 anni fa, la macchina cappottata e l'unica cosa che ci ha salvato, oltre a Dio o chi per lui, sono state le cinture! Ma ancora a volte mi sembra di sentire il rumore delle laniere! Sono felice che stiate bene! Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  4. complimenti per il sangue freddo....stamattina non ho letto il post ho solo messo il commento del premio.
    vi abbraccio forte

    RispondiElimina
  5. Contenta di sapervi in salvo. Un abbraccio forte

    RispondiElimina
  6. Cavolo cavolo cavolo. Sono in vacanza e disconnessa anche io, ti leggo ora solo ora...ti abbraccio, felice voi stiate benone, che è l'importante.

    RispondiElimina
  7. Brava, brava, brava che dici questa cosa importantissima delle cinture di sicurezze, brava. E Grazie, grazie per questo post.
    Sono felice che stiate bene, felicissima. Felice con tutto il cuore.

    RispondiElimina

© 2011 - 2012 - 2013 - 2014 Cappuccio e Cornetto. Design and development by La Designerie.